Qualche giorno fa Cesvot – Centro Servizi Volontariato Toscana ha inaugurato un nuovo spazio web: l’Archivio di Comunicazione Sociale, che raccoglie 300 video sociali, di cui 50 consultabili integralmente, e 2700 campagne non profit provenienti da 65 paesi. Un sito che non è solo un archivio online ma anche e soprattutto “un luogo dove si sperimenta la straordinaria forza del linguaggio pubblicitario orientato alla diffusione di buone cause, alla promozione dei diritti, all’educazione di comportamenti rispettosi di sé e degli altri”.

Un patrimonio prezioso e unico che Cesvot ha deciso di mettere a disposizione di tutti, gratuitamente e senza nessuna limitazione (se non una semplice registrazione al sito), per valorizzare e dare visibilità alla comunicazione sociale prodotta da enti e istituzioni sia in Italia che all’estero.
L’archivio nasce da due importanti collaborazioni: quella con l’associazione Adee per la rassegna internazionale di pubblicità sociali “Ad Spot Award” e quella con l’associazione Aiart di Pisa per il festival di cortometraggi “Raccorti Sociali”.

Grazie a queste rassegne sono stati raccolti (dal 2000 per le campagne e dal 2009 per i cortometraggi) una grande quantità di manifesti, spot, video che mostrano come si è sviluppata negli anni la comunicazione sociale promossa in Italia e all’estero da associazioni, aziende ed enti pubblici. Entrambe le raccolte sono in continuo aggiornamento anche grazie alle segnalazioni di enti, associazioni e cittadini. Attraverso un modulo online chiunque può segnalare una campagna o un video e contribuire all’ampliamento dell’archivio.

Nella sezione dedicata a “Raccorti sociali” sono disponibili le schede di tutti i 300 video che hanno partecipato al premio dal 2009 al 2013. Per i 50 finalisti (10 per ogni edizione) sono disponibili anche i filmati integrali: documentari, docu-fiction, cartoni animati, spot che, come previsto dal concorso, in cinque minuti raccontano temi sociali di grande attualità, come l’omofobia, l’integrazione delle persone disabili, le dipendenze, la malattia, la violenza domestica.

violenza negli stadi
I materiali delle 2700 campagne sono, invece, tutti disponibili. Manifesti, cartoline, video spot realizzati da grandi e piccole agenzie pubblicitarie per enti non profit, aziende e istituzioni di tutto il mondo allo scopo di sensibilizzare i cittadini al rispetto dei diritti umani, alla salvaguardia dell’ambiente e degli animali, alla tutela della salute, all’integrazione interculturale, alla legalità. Bellissima, ad esempio, la campagna di una ong indiana sull’adozione o quella di un’associazione tedesca sul diritto all’acqua o, ancora, la campagna francese contro la violenza negli stadi.

Entrambe le raccolte sono consultabili grazie ad una maschera di ricerca che permette di esplorare le campagne e i video per ente, anno, categoria, tipologia. Inoltre sono disponibili oltre 300 tag tematici, in italiano e inglese, che indicizzano in modo ancora più dettagliato i materiali. Così, ad esempio, selezionando il tag “salute mentale” o “mutilazioni genitali” verranno automaticamente ricercate tutte le campagne o i video sul tema.

Che si decida di consultare l’archivio per anno, per tipologia o per ente, ad ogni click si apre un vero e proprio viaggio intorno alla Terra, fatto di immagini e parole che raccontano i grandi temi del nostro tempo.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Livornese ma a Pisa devo i miei studi in storia moderna. Lavoro all’Ufficio Comunicazione di Cesvot – Centro Servizi Volontariato Toscana. Il non profit e la comunicazione digitale sono da sempre la mia passione. Mi trovate anche su Telegram con il canale @SocialPositiveNews.

1 commento

  1. Pingback: Online l'Archivio di Comunicazione Sociale: 300...

Leave A Reply


*