Ben due milioni di presenze turistiche in più: questo è quanto si attendono, per il 2018, gli operatori toscani di settore intervistati nell’ultima indagine condotta da SL&A Turismo e Territorio per conto di Toscana Promozione Turistica, i cui risultati sono stati presentati il 6 aprile a Firenze dall’assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo, dal direttore di Toscana Promozione Turistica Alberto Peruzzini e dal presidente di SL&A Turismo e Territorio Stefano Landi.

Vediamo più nel dettaglio.

2018: benvenuto, raggio di sole

Il 2017 è stato un anno nettamente positivo: lo dice il 60,7% degli operatori delle strutture turistiche. La previsione per il 2018 è di quasi due milioni di presenze in più del 2017! Aumentano i turisti (+3,3% italiani, +4,4% stranieri) e si consolidano i fatturati (in media +3,4%). Le città d’arte in Toscana risultano soprattutto meta del turismo primaverile. “Il peso che stanno sopportando i poli più attrattivi – ha affermato Peruzzini – è l’elemento che speriamo di continuare ad avere ma che dobbiamo anche saper meglio gestire e indirizzare. Dobbiamo incidere ancora di più su questo, valorizzando tante realtà altrettanto affascinanti e che ancora non hanno ottenuto il giusto riconoscimento“.

Toscana digitale

Il sito web rimane un asset fondamentale: il 94% lo utilizza. Nel 2017 il 72% delle imprese italiane con più di dieci addetti disponeva di un sito web, il 9% vendeva attraverso la rete. L’81% delle imprese nei servizi di alloggio ha ricevuto ordini via web. Il 40% utilizzava almeno un social media (fonte: Istat, 2018).

Il ruolo dei social network

Anche il ruolo dei social network diventa sempre più importante: la pagina aziendale di Facebook raggiunge il 68,2% di utenza; il 42,7% per la pagina personale di Facebook; il 33,8% per Instagram; il 15,3% per Twitter. Nel 2018 cresce soprattutto Facebook mentre uno su tre pubblica anche su Instagram.

Innovazione tecnologica

Nel 2018 in Toscana si punta a potenziare la presenza sulle OTA come “booking.com” (30,8%) ma intanto c’è chi investe sull’automazione: palmari per richiedere info e prenotare servizi (1,5%); chat bot o robot risponditori (1,5%); check-in e chek-out automatizzati (5,2%).

Greeen innovation

Il 20% delle strutture in Toscana punta sulle tecnologie per facilitare la mobilità sostenibile. Gli alberghi, infatti, offrono il servizio di ricarica (8,6 %) e-bike / auto elettriche; sconti / promozioni per i clienti che li raggiungono con mezzi pubblici (6,2%); convenzioni car sharing / car pooling / bike sharing (4,3%).

2018: Anno del cibo

Tre operatori toscani su quattro ritengono che il turismo enogastronomico sia in crescita. A trainare questa offerta sono soprattutto i mercati del Nord America, dell’Australia e quelli maturi europei: il cibo è  diventato “trend topic” nelle recensioni di viaggio in Toscana.

“Certamente queste proiezioni – ha concluso Ciuoffo – rappresentano un’ottima base di partenza. Ma ci dicono soprattutto che il lavoro svolto finora è stato un buon lavoro, sebbene ci imponga di guardare avanti, senza sedersi sui risultati ottenuti o compiacersi. È il risultato di un percorso che abbiamo affrontato con gli operatori del settore, con la massima condivisione. Quando su un settore come questo si riescono ad attivare sinergie pubblico-privato, l’effetto moltiplicatore è garantito. La risposta alle sollecitazioni e alle lezioni arrivate dal passato è stata molto positiva da parte degli operatori, in termini di investimenti ed innovazione. Anche l’aspetto relativo alla distribuzione dei flussi è un elemento sul quale il lavoro prosegue: dobbiamo cercare di condizionarli e governarli, e non che siano loro a farlo nei nostri confronti. Si concentrerà su questo lo sforzo per il futuro, nel tentativo di raccontare tutta la Toscana e alleggerire il peso sui soliti poli di attrazione rappresentati dalle città d’arte. Oltre all’alta qualità del nostro sistema di accoglienza, occorre creare motivazioni di viaggio sempre nuove”.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Ho studiato alla Facoltà di Scienze Umanistiche della Comunicazione dell'Università di Firenze. Nutro interesse nei riguardi del mondo del giornalismo, dell'editoria e della cultura in generale.

Leave A Reply


*