Un sistema di medicina guidato dalla tecnologia per permettere di monitorare i problemi cardiaci e i parametri fisiologici dei pazienti. E’ questo il prodotto finale che conta di rendere operativo entro il prossimo anno la Medicaltech, società nata a Rovereto che ha scelto il Polo Tecnologico del Trentino e la collaborazione con l’Università di Trento per sviluppare il proprio progetto. L’idea è partita dalla necessità di realizzare un dispositivo che permetta di monitorare il comportamento del cuore, elaborare i dati e trasmetterli ad una centrale software, per metterli subito a disposizione di medici e specialisti. Il progetto però vuole sviluppare anche un dispositivo medico portatile polivalente (MT32 Mobile), un vero e proprio sistema diagnostico integrato che può realizzare più funzioni con apparecchiature mobili collegate ad una centrale di telemedicina. In questo modo i dati clinici potranno essere trasmessi e resi disponibili praticamente real-time, facendo capo ad una centrale software installata a Rovereto che interagisce con l’esterno fornendo lo stato di salute di ciascun paziente. In realtà una prima parte del progetto è già stata realizzata grazie al sistema Ri.Car.Do., che è stato progettato per i pazienti in riabilitazione cardiologica sotto monitoraggio continuo durante l’esercizio quotidiano. Il sistema mobile di Rovereto ha lo scopo anche di essere messo a disposizione di medici e operatori sanitari in forma di noleggio, fornendo così sui dispositivi mobili un primo fondamentale servizio di assistenza e di informazione riguardo a esami, dati e parametri clinici dei pazienti.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Giornalista di lungo corso, preparazione universitaria ed esperienze lavorative informatiche, è materano da sempre ma ormai toscano (e senese) di adozione. Gli piace cimentarsi “di fioretto” con la penna, non disdegna con decisione “la spada” davanti a un computer. Sport, politica, teatro: alcuni dei suoi terreni preferiti per comunicare con un mondo sempre meravigliosamente “a colori”.

Leave A Reply


*