“Il futuro è quello di ospedali senza confini fisici e dati utili per curare la persona”. Così il vicepresidente di Aisdet, Sergio Pillon, sottolineando uno dei temi trattati nel corso della conferenza “Le interferenze digitali in medicina tra protezione dei dati e innovazione” disponibile in streaming sulla piattaforma Digeat plus. La web conference, organizzata da Digital&Law e promossa da ANORC e ANORC Professioni inaugura il Percorso del DIG.eat 2022/23 – Meddle, e ha visto il coinvolgimento di un gruppo di esperti per analizzare le prospettive di sviluppo, le criticità del settore e condividere una visione dell’e-Health e della Telemedicina, alla luce del PNRR.

Un dibattito che ha permesso – come ha ricordato Sarah Ungaro, esperta in diritto dell’informatica e privacy, Consulente senior presso lo Studio Legale Lisi e Vice Presidente di ANORC Professioni – di “analizzare con spirito critico” un tema non semplice, quello delle Linee guida per la Telemedicina e l’assistenza domiciliare e il documento Modelli e standard per lo sviluppo dell’Assistenza Territoriale nel Servizio Sanitario Nazionale, in relazione ai profili relativi all’ interoperabilità delle piattaforme, come quella del FSE. “Siamo riusciti a dare una panoramica molto concreta, trasversale e multidisciplinare”, ha precisato Ungaro, animando un ricco dibattito con i relatori anche per quanto attiene la di gestione dei documenti sanitari in ambito digitale e alla sicurezza e protezione dei dati personali.

“Mi piace molto parlare di clinica virtuale – ha affermato la Prof.ssa Maria Grazia Modena, vicepresidente SIT – attraverso la quale controllare a distanza i parametri dei pazienti, considerando che la soglia della vita si allunga sempre di più ed è importante garantirne la qualità. La clinica virtuale- ha aggiunto- ci permetterà non di disumanizzare il rapporto con il medico, ma di mettere il paziente al centro”. Di telemedicina, ha parlato anche il presidente della Sit, il Prof. Antonio Vittorino Gaddi: “Negli ultimi 20 anni- ha dichiarato- la telemedicina è stata vissuta come una specie di cenerentola da chiamare quando c’è da spazzare via la cenere di carattere amministrativo, come strumento per risparmiare, che è intrinsecamente una follia, non come strumento di prevenzione e cura, a beneficio di medici e pazienti”.

“Il Covid ha creato dei problemi ad un sistema che era già in crisi, perché basato sull’analogico – ha affermato  Sergio Pillon, Coordinatore della trasformazione digitale ASL Frosinone – abbiamo fino a ieri gestito le emergenze, facendo fronte a dei buchi surreali, ma non ci sono stati solo i morti di covid. Siamo resistenti ai cambiamenti fatti male e questo riguarda sia le norme che le competenze digitali degli operatori. Il futuro è quello di ospedali senza confini fisici e dati utili per curare la persona”.

Altro tema, il Fascicolo sanitario elettronico che “sta avendo una particolare accelerazione – ha spiegato il Franco Cardin, esperto in protezione dati personali in ambito sanitario – se ne parla da oltre 12 anni e da un punto di vista dell’attuazione tutte le Regioni hanno raggiunto livelli più o meno soddisfacenti, ma se poi andiamo a vedere gli indicatori di monitoraggio sull’utilizzo ci rendiamo conto dei veri limiti”.

Antonio Bartolozzi, Professore in Progettazione di dispositivi medici software e processi di certificazione all’università di Trieste, si è soffermato sulle regole relative ai dispositivi medici. “Esistono degli standard internazionali- ha spiegato Bartolozzi- che prevedono una forte relazione tra safety e security, che il nostro Legislatore continua ad ignorare. Proprio uno dei requisiti più importanti dei dispostivi medici è il n.4, che prevede di attenersi allo stato dell’arte, ossia agli standard e alle norme attualmente in vigore, e il fabbricatore deve ridurre il più possibile i rischi, garantendo la sicurezza delle informazioni”.

Nel suo intervento Mario Lavizzari, Corporate Senior Director presso Fujifilm Italia, ha affermato che “non è semplice per il legislatore fare delle norme che vadano bene per tutto, quello che chiederei è che ci siano dei criteri oggettivi, puntuali, per quanto riguarda il rispetto della normativa stessa, anche con il giusto riconoscimento da parte della stazione appaltante”.

Il prossimo appuntamento del percorso è in programma per il 21 settembre, sempre su piattaforma DIGEAT PLUS, con una web conference dedicata al tema “Energy e Multiutility”. Si ringrazia Dgroove, primo sponsor ufficiale del Percorso del DIG.eat 2022/23 – Meddle.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*