Lotta alle zanzare? Si fa attraverso una app. Il Comune di Bagno a Ripoli aderisce al progetto “Mosquito Alert”, approdato in Italia grazie all’Università La Sapienza di Roma e ideato per coinvolgere i cittadini in un progetto di “citizen science”, una ricerca scientifica partecipata. L’obiettivo è quello di mappare gli insetti sul territorio comunale e potenziare le attività a contrasto, al fine di tutelare la salute pubblica, prevenire e controllare malattie infettive trasmissibili all’uomo attraverso la puntura di insetti vettori.

L’applicazione è gratuita (www.mosquitoalertitalia.it). Basta scaricarla sul proprio smartphone per inviare segnalazioni relative alla presenza di zanzare o di ambienti larvali. Possono essere inviate foto e informazioni utili, persino immagini delle punture. I ricercatori del dipartimento di sanità pubblica e malattie infettive della Sapienza, in base alle informazioni ricevute, creeranno una mappa sulle specie di zanzare presenti, del rischio di puntura e una valutazione del rischio di trasmissione di virus da parte degli insetti.

“Una vera e propria ricerca scientifica frutto della collaborazione tra cittadini e istituzioni scientifiche – commentano il sindaco Francesco Casini e l’assessore all’ambiente Enrico Minelli – a cui abbiamo aderito convintamente. Ogni anno fin dalla primavera scendiamo in campo contro le zanzare con il trattamento anti-larvale su tutto il territorio. Da oggi c’è un’arma in più, invitiamo tutti a scaricare la App e a inviare le segnalazioni” .

Attraverso la App, inoltre, i cittadini potranno ottenere sul proprio telefono info utili sulle zanzare e suoi siti di riproduzione e acquisire esperienza su misure da attuarsi a livello individuale per la prevenzione della riproduzione delle zanzare e la protezione dalle punture.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*