Un grande strumento per comunicare, soprattutto in ambito politico e pubblico. E’ la narrazione, cioè l’idea di veicolare un messaggio attraverso il racconto. A #pasocial si è affrontato il problema nella tavola rotonda “Il ruolo dello storytelling nella comunicazione pubblica”, moderata da Francesco Nicodemo, consigliere per la comunicazione per Palazzo Chigi

“Se non c’è il cosa, il come ha senso. Se non c’è il contenuto, si può inventare qualsiasi strumento, qualunque piattaforma, ma il trucco verrà svelato prima o poi – ha detto Nicodemo – La comunicazione è politica ed è necessaria alla struttura democratica“.

“La televisione è la casa dello story telling. Basta pensare a Carosello e a quello che ha fatto nella storia dei marchi – ha detto Alessio Viola giornalista di Sky – La prima esperienza di un canale all news in italia è stato Sky. Oggi la realtà è completamente diversa: basta avere uno smartphone e aprire un social per sapere cosa succede nel mondo.

“Story telling è uno strumento efficace ma ovviamente va saputo maneggiare – ha detto Elisa Calessi, giornalista di Libero – Innanzitutto dobbiamo tenere conto del mezzo: usare il racconto per veicolare un messaggio è una grande arma, ma è uno strumento non un fine. E poi ci sono i fatti, che devono essere devono essere solidi, cioè avere una loro coerenza e una loro forza a prescindere della piattaforma utilizzata. Infine il senso: si deve sempre avere ben chiaro il significato di quello che vogliamo dire, perché a volte si pensa che lo strumento di per sé sia portatore di significato”.

“Oggi chi influenza il dibattito sono i social, molto di più rispetto ai media tradizionali – ha detto Francesco Piccinini, direttore di Fanpage – Davanti alla tv l’individuo si sentiva solo, adesso con i social è parte integrante del dibattito pubblico”. A conclusione Stefania Carboni di Giornalettismo ha puntato l’attenzione sulla veridicità delle fonti al tempo dei social media: “Verificare le notizie è un gesto di responsabilità verso il pubblico, non sempre facile”, ha detto.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*