La comunicazione social dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) si rinnova e introduce alcune interessanti novità che dovrebbero scongiurare futuri errori di interpretazione dei tweet prodotti sull’account a seguito di una scossa di terremoto e garantire una maggiore chiarezza.

L’obiettivo di queste modifiche è quello di fornire agli utenti una informazione immediata e ancora più comprensibile sulla localizzazione degli eventi sismici, tempo origine ed evoluzione del calcolo a cui è soggetta la localizzazione e anche la magnitudo.

Queste le novità attive dal 6 settembre sugli account Facebook e Twitter di INGVterremoti:

  • nome del Comune più vicino all’epicentro con la sigla della Provincia;
  • posizione relativa del terremoto rispetto al Comune;
  • visualizzazione predefinita dell’ora italiana per il tempo origine del terremoto con la possibilità di sostituirla con l’ora internazionale (UTC);
  • indicazione del tipo di magnitudo calcolata per ciascun terremoto (ML, Mw, Md, ecc) in modo da rendere possibile associare un eventuale ulteriore aggiornamento.

La struttura dei tweet e dei post sarà quindi questa: tipo di magnitudo e suo valore, ora italiana e data del tempo origine del terremoto, indicazione del nome del Comune più vicino all’epicentro con la sigla della Provincia, posizione relativa del terremoto rispetto al Comune e, infine, la profondità.

Non solo social, tempo di modiche anche per la app per iOS e Android di INGVterremoti, che è stata riprogettata e velocizzata. Oltre all’eliminazione del database, è stata resa necessaria la connessione alla rete per poterla utilizzare ed è stata aggiunta una sezione con le ultime news del blogINGVterremoti.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

CHIARA BIANCHINI

Blogger e social media manager. Laureata magistrale in scienze della comunicazione con un forte interesse per la comunicazione del rischio e dell’emergenza sui social media. Partecipante attiva a #SmemchatIT (venite a scoprire su Twitter di cosa si tratta!).

Leave A Reply


*