Sono “EU Voice” e “EU Video” le due piattaforme social social open source lanciate dal GEPD che al momento sperimentano una fase pilota durante la quale verranno raccolti i feedback degli utenti per migliorarne le funzioni e l’esperienza di utilizzo.

Le istituzioni, gli organi, gli uffici e le agenzie dell’Unione Europea che partecipano alla fase pilota di queste piattaforme possono interagire con il pubblico condividendo brevi testi, immagini e video su EU Voice; e condividendo, caricando, commentando video e podcast su EU Video.

Le due piattaforme fanno parte di reti di social media decentralizzate, gratuite e open source che connettono gli utenti in un ambiente orientato alla privacy, basato sui software Mastodon e PeerTube. Avviando la fase pilota di EU Voice e EU Video, il GEPD mira a contribuire alla strategia dell’Unione europea per i dati e la sovranità digitale per promuovere l’indipendenza dell’Europa nel mondo digitale.

Il GEPD e la direzione generale dell’Informatica (DIGIT) della Commissione europea hanno collaborato strettamente durante lo sviluppo di EU Voice e EU Video. In linea con gli obiettivi della strategia per il software open source 2020-2023 della Commissione, l’assistenza tecnica di DIGIT al GEPD dimostra l’importanza della cooperazione interistituzionale sull’open source come fattore abilitante dei diritti della privacy e della protezione dei dati, contribuendo così alla sovranità tecnologica dell’UE .

Il lancio della fase pilota di EU Voice e EU Video aiuterà il GEPD a testare le piattaforme nella pratica raccogliendo feedback dalle istituzioni partecipanti. Il GEPD spera che questo primo passo segni una continuità nell’uso di piattaforme di social media conformi alla privacy.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*