Cittadini e enti pubblici sempre più vicini grazie al digitale. Il Comune di Persiceto va in questa direzione con la recente attivazione del nuovo canale Telegram ufficiale, dove verranno pubblicate notizie di pubblica utilità ed eventi legati al nostro territorio. L’applicazione Telegram, già adottata da molte pubbliche amministrazioni, tra cui il Comune di Bologna, offre il vantaggio di poter creare canali informativi di comunicazione uno-a-molti senza che l’Ente abbia necessità di registrare o richiedere generalità, numero telefonico o email dei partecipanti.

Per accedere al nuovo servizio sarà sufficiente iscriversi in maniera totalmente gratuita e anonima attraverso i seguenti passaggi:

  • installare Telegram sul proprio smartphone/tablet o utilizzarlo da computer desktop: tutte le versioni sono disponibili sul sito ufficiale https://telegram.org/
  • creare il proprio account, quindi cercare il nome del canale “Comune Persiceto”, oppure cliccare sul seguente link t.me/comunepersiceto, per essere indirizzati direttamente alla chat, e premere il pulsante “unisciti”.

“Sulla scorta dell’esperienza di altri comuni – dichiara Alessandro Bracciani, assessore alla comunicazione del Comune di Persiceto – come ad esempio quello di Bologna, anche noi abbiamo deciso di attivare un canale Telegram che consente di comunicare con i cittadini in modo veloce e sicuro e di aggiornarli su notizie di pubblica utilità ed eventi legati al territorio. L’applicazione, che non prevede lda parte dell’Ente la registrazione di dati personali, numero telefonico o email dei partecipanti, è gratuita, facilmente utilizzabile e garantisce la tutela della privacy degli iscritti. A fianco di questo canale, nei prossimi mesi manterremo anche l’utilizzo del servizio di messagistica Whatsnew, attivato su Whatsapp per valutare poi un’eventuale sostituzione con Telegram”.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*