Dal 1° ottobre è entrato in vigore, per le Pubbliche amministrazioni, l’accesso telematico con credenziali pubbliche nazionali, cioè riconoscibili da tutti i sistemi informatici della PA nel dialogo con il cittadino.

Fra questi, il più pratico e diffuso è il Sistema pubblico di identità digitale (SPID), chiave di accesso gratuita, semplice, veloce e sicura ai servizi digitali delle amministrazioni locali e centrali.

Per facilitare i milioni di cittadini italiani nel dotarsi dello SPID, alcune Pubbliche amministrazioni possono essere riconosciute come RAO (Registration Authority Officer), ovvero soggetti incaricati della verifica dell’identità personale dei cittadini che vogliono dotarsi dello SPID.

Su richiesta del Comune di Catania, l’AgID (Agenzia per l’Italia Digitale) ha autorizzato l’ente quale RAO pubblico, consentendogli di svolgere questa importante attività rivolta ai cittadini presso gli sportelli pubblici.

Il sistema prevede che i cittadini si rechino presso uno degli sportelli comunali (SPID Point) per farsi riconoscere, inserendo i dati sul sistema informatico nazionale, così da ricevere sulla propria e-mail un file (denominato pacchetto di attivazione) per richiedere e ottenere l’identità SPID presso uno dei due gestori aderenti al sistema.

Gli sportelli attivati dalla Direzione Sistemi Informativi E-Government e Smart City del Comune di Catania hanno già rilasciato in via sperimentale quasi 100 SPID.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*