I social network sono un alleato per la salute degli anziani: socializzare e interagire regolarmente con la famiglia e gli amici aiuta a restare attivi nella terza età e a non sentirsi abbandonati. Lo rivela uno studio appena pubblicato sulla rivista Health Psychology. I ricercatori della Pennsylvania State University negli Stati Uniti, hanno notato che una maggiore attività sui social network è associata a un maggior coinvolgimento nelle attività svolte durante il tempo libero, che a loro volta promuovono una miglior salute nelle persone più anziane.
L’utilizzo dei social network tra gli anziani rappresenta dunque una buona pratica che potrebbe portare in futuro grossi vantaggi per la salute e, in questo senso, la buona notizia è che gli internauti più maturi seppur ancora in numero contenuto sono in forte aumento. A fornire le cifre è uno studio dell’Osservatorio Ipsos (realizzato per Cna nel luglio scorso) dove si legge che l’utilizzo di internet sta aumentando: “poco meno del 16% dei pensionati si connette almeno una volta al mese. In sette anni l’accesso a internet da parte di questa fetta della popolazione è aumentato del 10%: infatti nel 2005 solo il 6% dei pensionati in Italia ha utilizzato questo strumento almeno una volta all’anno”. Non solo, per il 79% dei pensionati internauti leggere e scrivere email è un’attività comune mentre il 60% legge giornali e notizie su internet. Molto da fare c’è invece per quanto riguarda i social network: solo il 21% dei pensionati internauti infatti usa questi strumenti. Un dato sicuramente in aumento ma che dovrebbe far riflettere su quanto potrebbe essere utile anche investire su una ‘alfabetizzazione’ social degli anziani. Avere una migliore vita sociale anche sul web, come dimostrato, è infatti un ottimo aiuto per mantenersi in buona salute!

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

REDAZIONE

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Leave A Reply


*