Enjoy. Un nuovo modo di pensare ed un nuovo modo di interagire. E’ proprio da questo termine anglofono, ma ormai di uso mondiale che il Comune di Siena ha partorito un bellissimo progetto che vede la città di Siena pubblicizzata, ma ancora di più in interazione con tutto il mondo attraverso tutti i social network. Enjoy Siena è partito a vele spiegate da maggio 2014 sotto la guida dell’assessore al Turismo Sonia Pallai (@sonia_pallai) con la preziosa collaborazione di un social media team dell’Università di Siena guidato da due esperti come Giuseppe Segreto e Antonio Gnassi e composto da  quattro giovani che frequentano il master in comunicazione ed impresa dell’Ateneo.Ass-Pallai_medium

“Il coinvolgimento dell’Università di Siena è stato fondamentale perché appena partiti pensavamo ad una formazione delle persone che lavorano in Comune, ma purtroppo ad oggi non è stata ancora possibile per una riorganizzazione interna del personale – spiega Pallai, con un pizzico di amarezza- le potenzialità di crescita sarebbero state sicuramente diverse se avessimo avuto la possibilità di una formazione di coloro che esercitano all’interno del Comune adeguata a questo progetto”.

Il lavoro svolto da Enjoy Siena è anomalo per l’amministrazione comunale che rispetta orari rigorosi; in questo progetto non si hanno orari e spesso anche ai tweet della settimana si deve rispondere la domenica, bisogna avere quindi una disponibilità di 24 ore.

Un altro aspetto molto importante per far sì che tutto si svolga nel migliore dei modi è l’uso corretto di molte lingue straniere, nel social media team, per esempio, ci sono persone che non parlano solo l’italiano e che sono in grado di rispondere e scrivere in tempo reale a chiunque faccia domande o commenti da ogni angolo del globo.

twitterIl nome, Enjoy Siena, non è stato scelto casualmente. Prima di iniziare il progetto è stata stilata una lista con molti nomi possibili fatta vagliare anche dagli studenti di Antonio Gnassi di una prestigiosa università di Londra. Ha vinto Enjoy: non banale, pieno di sfaccettature semantiche molto positive, on freddo e che non dà visibilità solo all’amministrazione comunale o all’assessore, ma alla città.

Enjoy Siena è un progetto molto innovativo per il Comune che come obiettivo principale si è posto quello di valorizzare all’interno della strategia di promozione, le eccellenze che riguardano la città: arte, artigianato artistico, gastronomia, agroalimentare ed enogastronomia, eventi e cultura in senso lato. I palinsesti vengono ideati e si sviluppano attorno a questi cinque importanti argomenti: è stato scelto di non puntare sul Palio, la festa tradizionale della città, per valorizzare esperienze ed iniziative che animano Siena tutto l’anno.

Enjoy Siena è una strategia operativa oltre che comunicativa: la community ad esempio permette di far capire in che ore del giorno e in quanti hanno letto le notizie così da profilare meglio l’utenza. “Seppure le persone che seguono ed interagiscono siano in esponenziale crescita – ha spiegato Segreto -, il nostro obiettivo principale non è soltanto quello di avere grandi numeri ma anche capire cosa fa e come si comporta chi ci segue costantemente: avere tanti utenti che però non interagiscono costantemente non sempre è utile per il nostro lavoro”. In questo senso è stato ridotto il numero di tweet giornalieri che però hanno suscitato un grande interesse da parte del pubblico.

instagram“Abbiamo un trend di crescita costante – continua Segreto – e aldilà dei numeri abbiamo un grado di affidabilità molto elevato delle persone che ci seguono. La popolarità dei vari social è ben diversa da quello che succede a Siena. Si è pensato di promuovere una campagna attraverso la quale far capire a tutti che la città, nonostante sia piccolina, non si visita in poche ore. E’ la ‘Three days in Siena, uno spot dove riappaiono tutti gli elementi fondamentali della strategia. Dobbiamo anche evidenziare che la nostra organizzazione come social media team è molto buona, si fanno riunioni in hang up e si decide cosa pubblicare settimanalmente attraverso le richieste che vengono dalla rete, si pubblicano anche delle ricette che ci vengono fornite spesso anche dai ristoranti”.

Enjoy Siena, proprio grazie alla continua attività che svolge e all’immediata interazione è diventato un info-point, infatti ormai si può andare oltre il tradizionale punto informazioni, ma si preferisce fare un tweet e dopo pochi minuti si riceve tutte le risposte desiderate. Il rapporto che si instaura è uno scambio di informazioni ed idee in tempo reale, molto meno formale di una telefonata ad un centralino.

Il progetto è cresciuto molto nei primi sei mesi di attività senza spendere un euro in banner o comprare parole su Google, il Comune non hanno voluto e non vuole tuttora nessun tipo di pubblicità per cercare di capire quanto le persone ci tengano davvero a seguirli. “Abbiamo un monitoraggio costante che valuta l’affidabilità di quanto le persone ci seguono – spiegano Pallai e Segreto – In più seguiamo pochi profili selezionati su Twitter, anche se siamo ben consapevoli che se aumentasssimo il numero di following, avremmo molti più follower. youtubeSolo su Instagram seguiamo i travel blogger che hanno tanti follower e ne portano tanti anche a noi. Enjoy Siena è uno strumento non per il Comune ma del Comune per promuovere la città ed è utile a sviluppare il desiderio, che può rimanere un sogno, serve a condividere l’esperienza e ad alimentare il ricordo della città del Palio”, concludono Pallai e Segreto. Questo è Enjoy Siena, un modo innovativo ed efficace di far vivere e conoscere Siena.

Questi gli account attivati dal progetto Enjoy Siena

Facebook

Twitter

Instagram

Youtube

Tumblr

Google+

Pinterest

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

GIADA RICCARDI

nata a Siena il 4 Luglio 1988. Ha frequentato il Liceo Scientifico Sperimentale ‘’G.Galilei’’ di Siena diplomandosi nel 2007. Ha poi frequentato la Facoltà di Giurisprudenza. Ha coltivato negli anni la passione per la lettura, la scrittura e per il giornalismo del quale ha poi fatto la sua professione. Sta frequentando il corso di studi in Giornalismo presso l’Università di Siena. Ha avviato da anni la collaborazione come giornalista con Canale 3 Toscana.

Leave A Reply


*