Uno degli strumenti sempre più scelti dalla pubblica amministrazione per le comunicazioni di emergenza e la divulgazione di informazioni di protezione civile è l’applicazione per smartphone. Anche il Comune di Como, da alcuni mesi, ha adottato la app LibraRisk, disponibile gratuitamente su App Store e Google Play e gestita direttamente dalla Polizia Locale.

LibraRisk è una applicazione dedicata alla comunicazione del rischio che mette a disposizione dei cittadini, su smartphone e tablet, il Piano di Protezione Civile e lo abbina a un servizio di allerte e di notifiche dirette.

I cittadini possono così consultare in modo interattivo il Piano (che resta consultabile anche senza connessione internet), verificare i livelli di criticità idraulica/idrogeologica e le precipitazioni attese sull’area di Como secondo le previsioni dei bollettini di criticità e vigilanza meteo del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile. Permette poi di ricevere notifiche push dagli uffici comunali per segnalazioni di criticità a livello locale e allerte meteo, messaggi che non restano chiusi nella app ma possono essere condivisi e diffusi via Whatsapp, mail, Facebook, Twitter e sms.

La app consente inoltre di consultare su Twitter i messaggi inviati con i principali hashtag o canali di Protezione Civile a livello nazionale e locale (#iononrischio #ProtezioneCivile #ProtezioneCivileComo #socialprociv #allertameteo #allertameteoLOM).

Uno strumento in più, disponibile per tutti e soprattutto a portata di smartphone, che permette ai cittadini di prendere coscienza dei rischi legati ai luoghi in cui vivono e i comportamenti da adottare in caso di allerta o di emergenza.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

CHIARA BIANCHINI

Blogger e social media manager. Laureata magistrale in scienze della comunicazione con un forte interesse per la comunicazione del rischio e dell’emergenza sui social media. Partecipante attiva a #SmemchatIT (venite a scoprire su Twitter di cosa si tratta!).

Leave A Reply


*