Il campionato di calcio sta per ricominciare così com’era finito. Stadi vuoti, società in perdita, tifosi costretti, almeno per il momento, a guardare la loro squadra del cuore da casa. L’ultima stagione è terminata tra mille dubbi e difficoltà. In ogni caso, la storia è sempre la solita. C’è chi vince, c’è chi perde. Chi vede realizzare i propri sogni e chi li vede sfumare. È il caso dei tifosi della Carrarese (squadra militante in Lega Pro), i quali hanno sperato da casa, fino alla semifinale playoff, di ottenere la promozione in serie B dopo tantissimi anni. Seppur con qualche difficoltà, i sostenitori Giallo-azzurri hanno dovuto guardare le partite tramite Eleven sports, un provider internazionale dedicato alla trasmissione di eventi sportivi nazionali e internazionali. Francesco, ventun anni, carrarese dalla nascita e abbonato da anni alla curva nord, ha raccontato la sua esperienza: “Guardare le partite da un computer non è certamente la stessa cosa, le sensazioni sono completamente differenti”.

La nostalgia della curva si è fatta sentire: “Mi manca cantare assieme ai miei amici e guardare la partita in compagnia. Io, nelle ultime partite ho seguito il pullman della squadra fino allo stadio, dopodiché, malinconicamente sono tornato a casa davanti al pc”. Se a Carrara, la frustrazione per la lontananza dallo stadio è stata accompagnata dalla tristezza per la mancata promozione in serie B, qualche chilometro più a nord, a La Spezia, la felicità per il ritorno in serie A della squadra cittadina è stata enorme. Per i tifosi bianconeri, la gioia è esplosa davanti al tablet, su Dazn, il servizio a pagamento di video streaming online di eventi sportivi, tra cui anche le partite di serie B.

Giordano, assiduo frequentatore dello stadio Alberto Picco ha sottolineato gli aspetti positivi dell’applicazione: “Dazn mi ha fatto compagnia per tutta la stagione, le ultime partite sono state da cardiopalma per tutti noi e senza la piattaforma digitale non avremmo potuto assistere a questo sogno. Inoltre, nonostante qualche rallentamento nella trasmissione, ci ha portato bene”. Sull’apertura degli stadi ci vorrà ancora del tempo: “Mi auguro di vedere dal vivo la mia squadra ad anno nuovo. In più, per lo Spezia non sarà facile. Il nostro stadio non è agibile, quindi siamo costretti ad andare a giocare a Cesena”.

Non solo. C’è anche chi ha gioito due volte per uno stesso goal. È il caso di Stefano, tifoso bianconero di terza generazione, con tanto di aquila tatuata sul braccio. “La tensione era tanta e Dazn non mi ha aiutato. Durante la semifinale il video si bloccava spesso e i due goal non sono riuscito a vederli in diretta. Ho solo sentito un grosso boato e ho immaginato che avessimo segnato”. La serie A è un sogno che si avvera? Stefano non ha dubbi: “Non c’è cosa più bella per chi segue lo Spezia da sempre. Nessuno se lo aspettava. La speranza adesso, è quella di rivedere i miei idoli dalla curva quanto prima”.           

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

ROCCO LANZA

Ho 25 anni e sono laureato in scienze politiche, con specialistica in comunicazione presso l'università di Pisa. Attualmente sto frequentando il master in Pragmatica Politica della RCS Academy e sono fortemente appassionato di comunicazione e politica.

Leave A Reply


*