Dal 2018 gli utenti/consumatori potranno risolvere on line le loro controversie nei confronti degli operatori di telefonia e pay-tv con il servizio ConciliaWeb.

L’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni (Agcom) ha avviato con una recente delibera del Consiglio il  processo di digitalizzazione delle procedure del sistema di risoluzione delle controversie, attivo già dal 2002.

Un passo indietro per chiarire i presupposti: i consumatori che abbiano presentato un reclamo a un operatore di comunicazioni elettroniche e abbiano ricevuto un diniego o non abbiano avuto risposta, hanno a disposizione, prima di avviare un giudizio e anzi per evitarlo, dei percorsi stragiudiziali: il tentativo di conciliazione e la definizione della controversia.

Il tentativo di conciliazione si attiva presso i Co.re.com., i comitati regionali per le comunicazioni, o un altro degli organismi autorizzati: le camere di commercio, gli organismi di conciliazione previsti dal Codice del consumo, gli organismi di conciliazione paritetica costituiti dagli operatori con le associazioni di consumatori rappresentative a livello nazionale.

Se il tentativo di conciliazione non è riuscito, il consumatore o entrambe le parti possono chiedere un provvedimento di definizione della controversia all’Autorità o al Co.re.com competente per territorio e con delega di funzioni (articolo 84 del Codice delle comunicazioni elettroniche).

Un sistema che, spiega Antonio Nicita di Agcom, relatore della delibera, nel primo semestre del 2017 ha portato alla risoluzione di oltre 33mila controversie – il 77% si è risolto con un accordo, per un valore complessivo di circa 14,5 milioni tra indennizzi e rimborsi – e nel 2016 ha fatto ottenere ai 90 mila utenti italiani che si sono rivolti ai Co.Re.Com circa 30 milioni di indennizzi.

Da ora in poi con la digitalizzazione del processo sarà più semplice, meno costoso in termini di tempi e spostamenti e più veloce ottenere la definizione di una controversia ricorrendo tramite ConciliaWeb all’autorità.

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Punto ad essere una persona consapevole e partecipe, vivere e contribuire in una comunità che si evolve, e credo che l'informazione sia una leva essenziale di questo sviluppo. In quest'ottica mi sono avvicinata alla comunicazione pubblica, di cui mi occupo come redattrice web. Sono nata e vivo a Roma, cerco di lavorare “al servizio del servizio pubblico”, senza perdere di vista quello che succede intorno.

Leave A Reply


*