Educare camminando lungo le vie della storia e della spiritualità. In Toscana. #GiubileoToscana è l’hashtag lanciato nei giorni scorsi durante un convegno svoltosi a Palazzo Sacrati Strozzi a Firenze, presso la presidenza della Regione Toscana, per presentare i servizi e le proposte a supporto di pellegrini e turisti in Toscana in occasione del Giubileo della Misericordia, organizzati e coordinati dalla Regione attraverso Toscana Promozione e Fondazione Sistema Toscana.

Al centro del sistema di informazione vi è il Intoscana.it, il portale ufficiale della Toscana, che ha allestito una sorta di sito nel sito: all’interno delle pagine dedicate al turismo www.turismo.intoscana.it, infatti, è stata realizzata una nuova sezione tematica dedicata interamente al Giubileo, a cui è possibile accedere anche con gli indirizzi diretti www.giubileointoscana.it e www.jubileeintuscany.com . Il sito illustra i luoghi delle 43 Porte Sante – dai santuari alle pievi, dalle cattedrali alle chiese – fornendo tutte le informazioni necessarie per visitarle, le relative mappe, gli itinerari religiosi che toccano le diocesi toscane e i percorsi sulle vie della fede, dalla storica via Francigena alle vie romee. L’account twitter @intoscana è la porta di accesso social attraverso cui ricevere informazioni, dialogare, chiedere informazioni, navigare sul sito per scaricare schede informative di facile lettura, immagini e mappe digitali, ma anche eventi collegati ai territori, strutture ricettive, proposte di soggiorno. I servizi legati al Giubileo sono ovviamente integrati nel contesto digitale del turismo della Regione Toscana, con possibilità di usufruire dei servizi esistenti, dal booking alle informazioni georeferenziate.

Ancora una volta la tradizione e l’affascinante storia delle antiche vie di pellegrinaggio apre una nuova rotta grazie all’innovazione digitale: nella nostra regione, per raggiungere Roma o le altre mete del Giubileo della Misericordia, la “strada maestra” è il tratto toscano della via Francigena, alla cui riscoperta e valorizzazione negli ultimi anni si sono dedicati istituzioni, diocesi, associazioni, organi di informazione. Lungo i 370 km di percorso ci sono aree di sosta attrezzate, strutture ricettive e servizi dedicati, tra cui anche una rete wifi con 57 hospot dislocati in 19 comuni nella prospettiva di estenderla ulteriormente con altri 30 punti. La Regione Toscana ha approvato tre tipi di tracciato: escursionistico, in bici e a cavallo.

Non rimane che mettersi in cammino o in sella, dotati di smartphone ovviamente! Per imparare che ogni mezzo, se utilizzato bene, aiuta a camminare. Lungo le vie della vita e dei pellegrinaggi fino alla meta più preziosa: quella dell’interiorità che conduce alla scoperta di sé.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

RICCARDO CLEMENTI

Giornalista, addetto stampa, scrittore, opera nel settore della comunicazione aziendale. Ha pubblicato opere di argomento sportivo come l’ebook 30. Sul campo, nella vita e il cartaceo Generazione Juventus. Storia di un gruppo di ragazzi innamorati della Vecchia Signora (Urbone Publishing) e due volumi sul tema della spiritualità nel mondo giovanile: Quando una pedalata ti cambia la vita. Due pontassievesi in sella verso Santiago (Comunità dei Figli di Dio) e Noi, pellegrini del nuovo millennio. Due pontassievesi in sella verso Colonia (Editrice Cattolica Sion). Nel 2013 ha narrato la vita di La Pira nel libro La forza della speranza. Giorgio La Pira, storia e immagini di una vita, il più ampio repertorio di immagini fotografiche sul “Sindaco Santo” (Polistampa). Nell’ottobre 2013 ha pubblicato per Mauro Pagliai il libro Dio è giovane! Settanta volte sette buoni motivi per crederci, un saggio che propone 70 riflessioni sul tema del Dio giovinezza dell’umanità. Nell’aprile 2015 ha fornito contenuti e informazioni per il libro Un viaggio in Toscana. La via della geotermia: dalla Val di Cecina all’Amiata (Effigi Editore). Nel luglio 2015 ha pubblicato con Mauro Pagliai il libro Il Contadino 2.0. Tutte le T della Toscana: dalla Terra alla Tavola passando per il Tablet che, partendo dalla storia di un giovane allevatore della Valdisieve, racconta come l’incontro tra antichi mestieri, innovazione tecnologica e nuovi mezzi di comunicazione possa tracciare la strada per uno sviluppo sostenibile e per una nuova ecologia umana. Nel febbraio 2018 ha pubblicato con Urbone Pubishing il libro Un Pirata in Cielo. 14 volte Pantani, dalle vette delle Alpi alle stelle del firmamento, che a 14 anni dalla morte di Marco Pantani ripercorre la vita del Pirata lungo le vie delle sue vittorie.

Leave A Reply


*