#Notavecchio è già un tormentone. Ma non solo. È il segno di un cambiamento epocale dettato dai social: fosse accaduto 10 anni fa, l’incidente lessicale e anche concettuale di Tavecchio su “Opti Poba che prima mangiava banane e ora gioca titolare nella Lazio” avrebbe fatto molto meno rumore.

 

Dieci anni fa i “pompieri” del mondo pallonaro, che si sono affrettati a gettare acqua sul fuoco dicendo che i fatti della vita di Tavecchio dicono l’opposto dell’espressione da lui utilizzata (come se chi si candida alla più alta carica istituzionale della Federazione calcistica italiana potesse permettersi un linguaggio che lambisce il razzismo e che definire da bar sarebbe un complimento), sarebbero riusciti in pochi giorni a sfumare i toni e a far scemare l’interesse intorno alla vicenda per portare a casa il risultato, nonostante lo scivolone sulla buccia di banana, giusto per rimanere in tema.

 

Adesso il discorso è diverso perché occorre fare i conti con i social che non vengono a patti e che sfuggono alle logiche classiche del potere e alla sua gestione nelle abituali stanze in cui fino a poco tempo fa ne erano confinati gli equilibri.

NoTavecchio1

Premesso che anche una buona e importante parte dell’editoria sportiva, Gazzetta in  primis ma anche Sky e altre testate, ha preso posizione fin da subito con grande senso  di responsabilità tenendo vivo il tema ogni giorno in prima pagina e incalzando  Presidenti delle Società e delle varie Leghe, i veri protagonisti in positivo di questo  romanzo calcistico tipicamente italiano sono ancora una volta loro, i social, che  stanno svolgendo una funzione educativa e di critica davvero costruttiva.

 

Senza alcun linciaggio mediatico, che è sempre poco edificante e che non fa bene a  nessuno, migliaia di tweet e di post su facebook stanno ricordando al mondo che,  nonostante i diritti televisivi e il business delle società, il calcio appartiene al popolo e che la coerenza anche verbale di chi professa determinati valori non può essere a discrezione di chi comanda: se si squalificano giustamente giocatori per epiteti razzisti, se si chiudono curve per cori razziali o di discriminazione territoriale, se si comminano daspi sacrosanti a tifosi che incitano al razzismo, se si promuovono belle e doverose campagne per l’accoglienza e l’integrazione, allora bisogna essere seri e consequenziali e non si può fare finta di niente se il candidato alla presidenza della FIGC in un incedere a dir poco discutibile definisce una persona di colore un mangiabanane.

Tavecchio chiede scusa, dichiara di aver sbagliato e dice che i fatti della sua vita parlano chiaro per l’impegno in Africa e in altri Paesi del mondo a fianco dei più poveri? Figuriamoci, massimo rispetto, succede a tutti di sbagliare ma a certi livelli, se non a tutti, occorre assumersi la responsabilità dei propri errori. Nessuna condanna, quello che gli viene richiesto è solo un passo indietro di coerenza e buonsenso. O vogliamo forse creare un precedente per cui, la prossima volta che un tifoso si becca una diffida per un coro o uno striscione razzista, questi può tranquillamente giustificarsi con un lapidario “scusate, ho sbagliato” ed evitare così la pena inflittagli? No, non possiamo starci e soprattutto non ci staranno i social che continueranno la loro apprezzabile e disinteressata battaglia di civiltà.
NoTavecchio2

L’hashtag #Notavecchio ricordano ai padroni del calcio, all’Italia e al mondo intero che la questione non potrà finire nel dimenticatoio, soprattutto in un’Italia il cui calcio attraversa una crisi di idee e di valori senza precedenti e necessita di riforme radicali, magari pensate e realizzate da uomini e donne che lascino le banane nei cesti della frutta e mettano sul campo da gioco, insieme al pallone, un po’ di cervello.

Intanto, anche grazie all’ondata di sdegno montata sui social, la FIFA e la UEFA, da sempre in prima linea nella lotta al razzismo, hanno preso posizione in modo molto netto chiedendo spiegazioni alla FIGC e ricordando che tutto questo non è accettabile. Anche dall’Unione Europea e dal Governo segnali sono arrivati segnali di irritazione, oggi potrebbe pronunciarsi il CONI che finora è rimasto prudente e che potrebbe indurre Tavecchio a ritirare la propria candidatura individuando magari una soluzione alternativa.

Insomma, siano benedetti i social che, se usati bene senza scadere a loro volta nelle offese e negli estremismi verbali, possono far rimanere indigesta una banana, sfidare ogni gioco di potere e fare un servizio al Paese e allo sport: perché il calcio, per tornare a uno spot del campionato di serie A, “è di chi lo ama” e non di chi lo comanda.

 

Licenza Creative Commons
Cittadini di Twitter è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Giornalista, addetto stampa, scrittore, opera nel settore della comunicazione aziendale. Ha pubblicato opere di argomento sportivo come l’ebook 30. Sul campo, nella vita e il cartaceo Generazione Juventus. Storia di un gruppo di ragazzi innamorati della Vecchia Signora (Urbone Publishing) e due volumi sul tema della spiritualità nel mondo giovanile: Quando una pedalata ti cambia la vita. Due pontassievesi in sella verso Santiago (Comunità dei Figli di Dio) e Noi, pellegrini del nuovo millennio. Due pontassievesi in sella verso Colonia (Editrice Cattolica Sion). Nel 2013 ha narrato la vita di La Pira nel libro La forza della speranza. Giorgio La Pira, storia e immagini di una vita, il più ampio repertorio di immagini fotografiche sul “Sindaco Santo” (Polistampa). Nell’ottobre 2013 ha pubblicato per Mauro Pagliai il libro Dio è giovane! Settanta volte sette buoni motivi per crederci, un saggio che propone 70 riflessioni sul tema del Dio giovinezza dell’umanità. Nell’aprile 2015 ha fornito contenuti e informazioni per il libro Un viaggio in Toscana. La via della geotermia: dalla Val di Cecina all’Amiata (Effigi Editore). Nel luglio 2015 ha pubblicato con Mauro Pagliai il libro Il Contadino 2.0. Tutte le T della Toscana: dalla Terra alla Tavola passando per il Tablet che, partendo dalla storia di un giovane allevatore della Valdisieve, racconta come l’incontro tra antichi mestieri, innovazione tecnologica e nuovi mezzi di comunicazione possa tracciare la strada per uno sviluppo sostenibile e per una nuova ecologia umana. Nel febbraio 2018 ha pubblicato con Urbone Pubishing il libro Un Pirata in Cielo. 14 volte Pantani, dalle vette delle Alpi alle stelle del firmamento, che a 14 anni dalla morte di Marco Pantani ripercorre la vita del Pirata lungo le vie delle sue vittorie.

Leave A Reply


*