Autore: SUSANNA BAGNOLI

SUSANNA BAGNOLI

Susanna Bagnoli, giornalista e addetta stampa. Ha iniziato con la radio e la cronaca locale del quotidiano Il Tirreno. Oggi si occupa di comunicazione politica e istituzionale per un gruppo politico del consiglio regionale della Toscana e scrive di lavoro e viaggi per testate giornalistiche on line. Perché twitter? Perché un giornalista non può farne a meno. Perché Cittadini di Twitter? Perché la trasparenza è un diritto.

Twitter alleato nella battaglia per ‘salvare’ la lingua italiana. Basta digitare l’hashtag #dilloinitaliano e ci troviamo a scorrere una timeline piena zeppa di domande, proposte, dubbi, precisazioni su termini inglesi comunissimi, che usiamo quotidianamente senza farci più caso, ma che potrebbero tranquillamente cedere il posto agli ‘equivalenti’ in italiano. Cosa direste al posto di startup? Oppure, perché lo hanno chiamato jobsact? #dilloinitaliano è innanzi tutto una petizione, lanciata dalla pubblicitaria Annamaria Testa, per invitare il governo, le amministrazioni pubbliche, i media, le imprese a parlare, un po’ di più in italiano, invece di ricorrere ai rassicuranti anglicismi. “La lingua italiana…

LEGGI DI PIU'

Una bella foto, l’hashtag giusto e l’indicazione che racconta il territorio. Poi la condivisione sul social. Così ha preso il via il progetto di storytelling lanciato dagli instagramers – Italia per raccogliere suggerimenti sul ‘cosa fare’, ‘cosa vedere’ negli ottomila comuni d’Italia. Scoprire quale museo visitare o quale dolce assaggiare, dove andare a fare trekking o dove trovare un panorama irresistibile, adesso è più facile. Te lo indica la community di Instagram, cercando i tag #dafarein,  #dafarea. Alessandra Polo, a capo del social media team di Instagramers Italia, racconta come è nato il progetto. Tutto è nato da un’idea del team…

LEGGI DI PIU'

La notizia che una grande istituzione, come l’Opera di Santa Croce a Firenze, ha scelto di affidarsi al crowdfunding per raccogliere fondi e procedere al restauro del loggiato della Cappella de’ Pazzi, negli ultimi giorni ha fatto il giro delle testate giornalistiche. Twitter incluso. Anzi, Twitter è della partita visto che l’hashtag #CrazyforPazzi, creato per l’occasione, servirà a veicolare, da qui al 19 dicembre data di scadenza della raccolta fondi on line, contenuti, aggiornamenti, immagini di questa grande operazione culturale, portata avanti con Kickstarter, il colosso americano del crowdfunding. L’obiettivo è raggiungere quota 95mila dollari, per procedere dai primi mesi…

LEGGI DI PIU'

L’iniziativa #selfiemediamanger, che Cittadini di Twitter ha lanciato per svelare i volti dei social media manager di enti e istituzioni pubbliche, si sta diffondendo con successo. L’invito a ‘metterci la faccia’ altro non è che un modo per andare alla scoperta del panorama, sempre più numeroso, dei professionisti che curano la comunicazione pubblica e istituzionale attraverso i social network. Francesco Ceccarelli, giornalista e responsabile dell’ufficio stampa e comunicazione della Scuola Sant’Anna di Pisa, è anche il responsabile della gestione degli account social del prestigioso istituto universitario. Lo abbiamo incontrato per capire come i social abbiamo preso spazio all’interno degli strumenti…

LEGGI DI PIU'

Se possiamo considerare una città d’arte, di cultura, di storia, come un brand perché non dedicargli un account twitter tutto suo? E lasciare che si racconti al mondo attraverso i cinguettii delle voci istituzionali, della cronaca, ma anche semplicemente grazie a una foto di un turista che posta immagini della sua vacanza. La città in questione è Pisa e l’account è @PisaConnection, nato ‘solo’ da tre anni ma con ottimi risultati raggiunti. Una community di oltre 3700 follower, tra cui l’ex premier pisano Enrico Letta. Guido Bini, giornalista, è l’ideatore di @PisaConnection. Ci racconta come è iniziata l’avventura. Come è…

LEGGI DI PIU'

Lunedì 14 luglio sarà la giornata di #smallmuseumtour. Come si capisce l’iniziativa alla scoperta dei musei e dei luoghi di cultura è tutta ‘social’. Il tour lo faremo su Twitter, usando l’hashtag dedicato, e scoprendo in timeline che cosa hanno preparato curatori, responsabili, esperti di social media per raccontare e far conoscere luoghi che, meno noti e con meno possibilità di farsi promozione in modo classico, per un giorno diventano i protagonisti. Il centro studi Dante Bighi, a Copparo, casa natale del celebre pubblicitario degli anni ’70, partecipa all’iniziativa. Elena Bertelli, vicepresidente del centro studi e responsabile degli account social…

LEGGI DI PIU'

Musei, centri studi, istituzioni culturali che twittano. Iniziano ad essere in tanti, anche i ‘piccoli’ cercano di farsi spazio nel mare magnum dei cinguettii e soprattutto puntano sui social come strumenti di auto promozione, centrali nelle strategie di marketing del territorio. Come nel caso del centro studi Dante Bighi, a Copparo, in provincia di Ferrara. Elena Bertelli, vicepresidente del centro studi, spiega come usano Twitter per far conoscere l’importante patrimonio della villa appartenuta al pubblicitario e soprattutto come, a luglio, sarà possibile fare un tour virtuale della struttura semplicemente usando l’hashtag #smallmuseumtour. Spiegaci chi è stato Dante Bighi? E’…

LEGGI DI PIU'

I colleghi di lavoro le chiamano ‘le smanettone’ perché sono sempre ‘armate’ di smartphone, tablet, macchina digitale. Cristina Bambini e Tatiana Wakefield sono due bibliotecarie molto speciali. Lavorano alla biblioteca comunale San Giorgio di Pistoia, una delle più grandi in Toscana con circa 170mila tra libri, dvd, e altro materiale in catalogo. ‘Smanettone’ perché l’avvento dei social come nuovi mezzi di comunicazione non le ha lasciate indifferenti. Colpite, affascinate dalle nuove possibilità che un account Facebook o  Twitter offrono di interloquire con il resto del mondo, hanno portato la rivoluzione in biblioteca. Come? Lo  spiegano nel libro che hanno scritto…

LEGGI DI PIU'