Autore: REDAZIONE

La Redazione del Giornale Cittadini di Twitter!

Twitter è il mezzo perfetto per comunicazioni rapide ed efficaci, Google è il colosso dei motori di ricerca e molto altro. Entrambi offrono svariati servizi e hanno una capacità di raggiungere la popolazione straordinaria, accorciano le distanze, le differenze, avvicinano persone e possono essere fondamentali in casi d’emergenza. Un importante comunicatore come Giorgio Gori sul libro “Cittadini di Twitter. La nuova comunicazione nei servizi pubblici locali” di Francesco Di Costanzo del novembre 2012, diceva chiaramente che Twitter sembra studiato e creato ad hoc per la Protezione Civile. Giusto. Un’affermazione confermata dagli eventi che hanno effettivamente dimostrato quanto i 140 caratteri…

LEGGI DI PIU'

I dipendenti lavorano meglio se possono comunicare tra loro attraverso gli strumenti social. Si tratta del principio che muove la “social organization” in azienda, ancora una tendenza di nicchia nel mondo del lavoro che però sta crescendo anche in Italia. Si tratta di una visione di azienda aperta, dove i dipendenti dialogano, condividono le conoscenze e superano le gerarchie attraverso strumenti come blog, wiki e social network. Una nuova organizzazione del lavoro che sta muovendo i primi passi nel nostro Paese e sarà al centro di un incontro in programma il 10 giugno a Unindustria Pordenone dal titolo “La Social…

LEGGI DI PIU'

I social network sono un alleato per la salute degli anziani: socializzare e interagire regolarmente con la famiglia e gli amici aiuta a restare attivi nella terza età e a non sentirsi abbandonati. Lo rivela uno studio appena pubblicato sulla rivista Health Psychology. I ricercatori della Pennsylvania State University negli Stati Uniti, hanno notato che una maggiore attività sui social network è associata a un maggior coinvolgimento nelle attività svolte durante il tempo libero, che a loro volta promuovono una miglior salute nelle persone più anziane. L’utilizzo dei social network tra gli anziani rappresenta dunque una buona pratica che potrebbe…

LEGGI DI PIU'

La comunicazione politica non può più fare a meno dei social network per interagire con i cittadini. Le piazze virtuali ormai stanno affiancando, se non sostituendo, i tradizionali comizi ma i nuovi media riescono davvero ad assolvere al compito informativo un tempo affidato esclusivamente ai mezzi di comunicazione tradizionale? Per riflettere sulla nuova comunicazione politica è in programma il seminario “La comunicazione politica ai tempi di Twitter, tra giornalismo e social media” che avrà luogo il prossimo 17 giugno alle 18 al centro OPS, all’interno del Centro Commerciale di Ponte a Greve Viuzzo delle Case Nuove 9, Firenze a cui…

LEGGI DI PIU'

E’ iniziato il conto alla rovescia per i Mondiali di calcio in Brasile e anche Twitter è pronto a entrare in campo. A poco più di una settimana dal calcio di inizio della @FIFAWorldCup 2014 la conversazione in 140 caratteri sta già crescendo per quella che si annuncia come una grande manifestazione social. Quest’anno, informa Twitter Italia, i Tweet relativi alla Coppa del Mondo hanno già superato il totale di quelli dei Mondiali del 2010. Così i #Mondiali si giocheranno sul campo – e su Twitter – dando a tutti l’opportunità di vivere l’azione da vicino come mai prima d’ora.…

LEGGI DI PIU'

Arte, cultura e bellezza: le nostre risorse sono queste, ma spesso i nostri ospiti sono un po’ lasciati a sé stessi. Trasporti pubblici inadeguati, collegamenti stradali difficili in certe aree del Paese, biglietti dei musei  acquistabili solo in contanti, mancanza di indicazioni “omogenee” sui possibili itinerari alternativi in prossimità dei centri rinomati. Ad aiutare la “grande bellezza” ci sono certo i siti specializzati, ma una volta individuato il sistema di trasporto per arrivare e fissato il luogo dove dormire, c’è da riempire i vuoti, quei dettagli che possono veramente trasformare la visita in qualcosa di veramente piacevole perché ben organizzato.…

LEGGI DI PIU'

I social network entrano nei negozi, o i negozi entrano nei social network? La domanda risulta alquanto marzulliana, ma contribuisce alla discussione riguardante recenti ricerche sulle modalità di acquisto degli italiani. Ebbene, da più studi di settore risulta che l’italiano medio ormai prima di effettuare un acquisto decide, sceglie, si confronta prevalentemente sui social network. Prevalentemente Facebook e Youtube, ma anche Google + e Twitter – il social con il trend più di crescita – oggi influenzano le decisioni finali sugli acquisti del consumatore medio italiano. In tempo di crisi è normale che ciò che attira di più anche sui…

LEGGI DI PIU'

C’è un media che non è come gli altri media, perché gestisce tra le sue altre rubriche, la nostra stessa identità, senza alcun nostro controllo: Google. Il “Super Stato della Rete”, la nuova superpotenza della geopolitica virtuale accetta in questi giorni un compromesso sui termini della privacy e del “diritto all’oblìo”, venendo per la prima volta davvero a patti con l’Europa. E’ stata in questi giorni la prima notizia sui grandi quotidiani online del mattino: Google accetta di cancellare i dati privati dei cittadini che ne faranno richiesta. Il Corriere della Sera pubblica in homepage l’apposito modulo, e giustamente.  Il…

LEGGI DI PIU'

Social e turismo, un’accoppiata che funziona. Sono sempre di più gli enti pubblici e di promozione turistica che decidono di sbarcare sulle piattaforme social per raccontare il proprio territorio e le tantissime eccellenze culturali, storiche, artistiche, naturali, culinarie. E’ anche il caso della Regione Veneto (@RegioneVeneto e @TurismoVeneto. Nella foto da http://www.veneto.to l’Isola di Burano, Venezia), che attraverso l’assessorato al Turismo ha deciso di tradurre in realtà un progetto degli Instagramers Veneto (@Igers_Veneto) mettendo in scena da domani e per tre giorni “Veneto in diretta”, il primo fotoracconto live dalla regione attraverso il social Instagram. Protagoniste le bellezze lungo la…

LEGGI DI PIU'

Il terzo rapporto Sentieri (Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento) ha confermato l’aumento di ricoveri ospedalieri e l’incidenza di tumori delle popolazioni che vivono nelle aree più contaminate d’Italia. Se questo preoccupa e molto, è anche vero che alcune ricerche effettuate in aree sottoposte a corretta bonifica hanno dato risultati opposti in termini di incidenza, riduzione delle patologie e quindi miglioramento della vita. Analisi come il “Willigness to Pay Approach” hanno rivelato esiti molto positivi se vengono effettuate le azioni di bonifica e decontaminazione: il ritorno di investimento a fronte dei 143 milioni…

LEGGI DI PIU'