Autore: ANTONELLO ROMANO

Lucano, vive a Firenze, collaboratore scientifico e geografo presso il Laboratorio Ladest - Università di Siena - si occupa di Geoweb, Big Data, GIS, Volunteareed Geographic Information, User Generated Content, Network Analysis, Data Visualization e Application Program Interface.

Una delle prime definizioni del termine Social Media fu coniata da Andreas M. Kaplan e Michael Haenlein (2010) “Social Media is a group of Internet-based applications that build on the ideological and technological foundations of Web 2.0, and that allow the creation and exchange of User Generated Content.” Tale definizione è legata al concetto del Web 2.0, introdotto da Tim o’Really, quale piattaforma per servizi unita a una buona dose di “coinvolgimento sociale degli utenti come creatori di valore”.                       Lo stesso Tim Berners-Lee, fondatore del World Wide Web, affermava (1999) che “The Web is more a social creation than a…

LEGGI DI PIU'

A  seguito del Rapporto dell’Eurobarometro “Public perception of  science, research and innovation” (149, 2014)  e a quello della Commissione Europea, “The future of Europe is science” (2014),  il Laboratorio Ladest – DISPOC, dell’Università di Siena in collaborazione con il Joint Research Centre – European Commission, di Ispra, ha lanciato una iniziativa di “consultazione social” attraverso Twitter, intorno a 4 aspetti chiave del nostro futuro: Protezione dell’ambiente, Riduzione delle disuguaglianze, Protezione dei dati di carattere personale, Creazione di posti di lavoro. Per partecipare all’iniziativa è sufficiente seguire su Twitter l’hashtag #Europe4x4 e/o compilare il breve questionario (di seguito riportato). Come partecipare? Segui…

LEGGI DI PIU'

Così come le note del lontano 1964 quando Bob Dylan cantava “The slow one now will later be fast, as the present now will later be past” nell’album “The Times they are a-Changing’”, quelle del nuovo album del trasporto pubblico locale scritte sul pentagramma di Twitter potrebbero echeggiare una melodia orecchiabile per molti, utenti e aziende TPL insieme. Lo sviluppo delle ICT e di Internet, ed in particolare il passaggio dal Web 1.0 o di prima generazione al Web 2.0, e con esso la nascita e diffusione di social network quali Twitter (2006), ha favorito un cambiamento radicale nelle interazioni…

LEGGI DI PIU'

La teoria del piccolo mondo. Nel 1967 il sociologo e psicologo americano Stanley Milgram selezionò casualmente un gruppo di americani del Midwest e chiese loro di mandare un pacchetto ad un estraneo che abitava nel Massachusetts, a diverse migliaia di chilometri di distanza. Ognuno di essi conosceva il nome del destinatario, il suo impiego, e la zona in cui risiedeva, ma non l’indirizzo preciso. Fu quindi chiesto a ciascuno dei partecipanti all’esperimento di inviare il proprio pacchetto a una persona da loro conosciuta, che, a loro giudizio, poteva avere il maggior numero di possibilità di conoscere il destinatario finale. Quella persona avrebbe fatto lo stesso, e…

LEGGI DI PIU'

Urban stories, William Gibson e Twitter Se nel lontano 1984 lo scrittore William Gibson nel suo romanzo più famoso, Neouromante, ci parlava del Cyberspazio come “A consensual hallucination experienced daily by billions of legitimate operators, in every nation, by children being taught mathematical concepts… A graphic representation of data abstracted from the banks of every computer in the human system. Unthinkable complexity. Lines of light ranged in the nonspace of the mind, clusters and constellations of data. Like city lights, receding….”oggi l’analisi e la rappresentazione cartografica dei dati inviati dagli utenti del popolare sito di microblogging Twitter, descrive una realtà…

LEGGI DI PIU'